+39 06 98382722 info@trekkinglife.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
+39 06 98382722 info@trekkinglife.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Il Parco del monte Cucco

0
Prezzo
da€320
Nome*
Indirizzo email*
La tua richiesta*
* Ho letto e accetto i Termini di condizione ela Privacy Policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
Salva tra i preferiti

Adding item to wishlist requires an account

22

I pacchetti Trekkinglife

  • Il prezzo è calcolato su gruppi tra 6 e 12 pax
  • Il viaggio viene confermato al raggiungimento del numero minimo
  • E’ possibile partire anche in 2 ma il prezzo potrebbe essere differente da quello mostrato nella proposta
  • Quando la partenza è garantita troverai un’icona sull’offerta

4 giorni
Disponibilità : dal 2 al 5 giugno 2022
Dettagli del tour

Storia e Preistoria, Miti e Leggende, attraverso antiche Foreste, Grotte, Gole e Forre spettacolari

Un’immersione nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano: vi porteremo alla scoperta del Parco Regionale del Monte Cucco, situato nelle vicinanze di Gubbio al confine fra Umbria e Marche. Si estende su una superficie di 10.480 ettari abbracciando l’omonimo rilievo (m. 1566), tra faggete secolari, grotte carsiche tra le più profonde d’Europa e corsi d’acqua incontaminati. Una meraviglia di natura e paesaggio che vi rimarrà nel cuore e che va conquistata con impegno, passo dopo passo. Escursioni davvero insolite e particolari vi attendono!

 Un sensazionale percorso ad anello nel ventre della montagna che attraverseremo percorrendo le grotte carsiche che la contraddistinguono, entrando da un ingresso posto adiacente al decollo dei deltaplani ed uscendo dalla parte opposta per salire in vetta e percorrere la montagna anche all’esterno, accompagnati dal volteggio dei deltaplanisti.

 Un secondo anello, ci permetterà di gustare totalmente alcuni tratti delle spettacolari forre di questo parco, con attraversamento di gallerie e punti selvaggi, panoramioci e suggestivi.

 Faremo un viaggio a ritroso nel tempo, visitando la famosa gola del Bottaccione: località di rilevanza mondiale per la testimonianza geologica del cosiddetto “Limite KT” ovvero uno dei maggiori siti italiani studiati per la forte presenza di iridio e sinonimo del segno lasciato dall’asteroide che cancellò i dinosauri dalla faccia della Terra alla fine del Cretaceo. Percorrendo un acquedotto medievale e visitando l’antico eremo di Sant’Ambrogio, audaci costruzioni affacciate sul tempo geologico e custodite da nudi strati di roccia antica, ammireremo dall’alto la selvaggia Gola ed il sito in questione per giungere alla splendida Gubbio, perla medioevale che lascia sempre un segno nell’anima, ogni volta che la si visita.

 Ci perderemo all’interno della foresta Vetusta del Parco e visiteremo Scheggia, Sigillo e Costacciaro caratteristici borghi medioevali.

 

Luogo dell'appuntamento

Giovedi 2 Giugno,  ore 14:00

Sigillo (PG) –   Dominus Hotel – Via Giacomo Matteotti, 55, 06028 Sigillo PG

Compreso nel prezzo

  • – 4 giorni/3 notti (trattamento mezza pensione in camera doppia, comprese bevande-base, caffè)
  • Assistenza di accompagnatore Guida AIGAE
  • – Colazioni e Cene (bevande “base” incluse, caffè)
  • – Ingresso Grotte di Montecucco – Guida Spelologica
  • – Guida Turistica a Gubbio (1/2 g)

Non compreso nel prezzo

  • – Supplemento eventuale camera doppia uso singola (10 euro/die–Totale 30 €)
  • – bevande extra ai pasti
  • – Spese di viaggio Roma- Sigillo - Roma e tutti gli spostamenti locali
  • – Pranzi – bevande extra ai pasti
  • – Tutto quanto non previsto ne “la quota comprende

Abbigliamento e oggetti utili

  • Calzature da trekking (obbligatorie), zaino adatto al trasporto del necessario per la giornata abbigliamento idoneo a una escursione e alla permanenza in montagna o in natura. Necessario un capo impermeabile da indossare all’occorrenza come strato più esterno protettivo. Necessario almeno 1 litro d’acqua, consigliate bevande calde (se necessarie), succhi di frutta. Gli accompagnatori sono a disposizione per suggerimenti e indicazioni utili. Qualora gli accompagnatori giudicassero non adeguato l’equipaggiamento posseduto dall’escursionista potranno non accettarne la partecipazione all’attività.
Itinerario

2 Giugno – GiovediSentiero “Madre dei faggi” e visita dei borghi medievali alle pendici del Monte Cucco

Inizieremo la nostra conoscenza con il Parco, percorrendo un breve ma bellissimo sentiero naturalistico che attraversa la suggestiva faggeta denominata “Madre dei faggi”, dove imponenti e secolari alberi, con le loro caratteristiche e maestose radici, sono i signori incontrastati del luogo. Dopo qualche chilometro di rilassante cammino all’interno della faggeta, breve sosta rigenerante alla “Fonte dell’Acqua Fredda” (1015 m). Qui l’acqua sorgiva costituisce ristoro per l’escursionista ed è un ottimo luogo per rilassarsi ascoltando il Bosco che parla alla nostra anima. I maestosi faggi secolari con le loro forme antropomorfe e zoomorfe, scateneranno i nostri ricordi dei mondi delle favole dei bambini.

Al rientro visiteremo i minuscoli borghi medievali che stanno alle pendici del monte: Scheggia, Costacciaro e Sigillo, dove è situato il nostro hotel.

Cena e pernotto in hotel

3 Giugno – VenerdiGrande Anello della “Valle delle Prigioni” fino alla “Forra del Rio Freddo”

Un lungo e impegnativo anello, che non permetterà ai partecipanti di annoiarsi, ci attende attraverso una Gola chiamata “La Valle delle Prigioni”, tra i monti Motette e Cucco. Il nome è tale a causa dell’impenetrabilità con la quale i popoli della zona dovevano fare i conti, ed è dovuta all’erosione operata dal Rio omonimo che la solca, formando una severa forra con alte pareti rocciose ed alla scelta eremitica che qui vi trovava “prigione” per il corpo e possibilità di elevare lo spirito alla contemplazione del sublime. Per queste sue caratteristiche è rimasta selvaggia e solitaria con vegetazione lussureggiante. Attraverso guadi, tunnel ed elementari passaggi su roccette, la gola si restringe e si giunge alla parte più emozionate, al cospetto della “scarpa del diavolo”, un sasso panoramico simile ad una scarpa appunto. Lungo il cammino il nostro sguardo potrà posarsi su un eremo di clausura recentemente ristrutturato: esso sorge in una posizione estremamente solitaria ma di grande fascino ambientale e dall’intensa misticità. Da qui inizieremo la discesa verso la maestosa Forra del Rio Freddo.  Il Massiccio del Monte Cucco è una delle poche zone appenniniche che possiede, a quote elevate, un corso d’acqua perenne, il Rio Freddo. Il lento e incessante lavorio del corso d’acqua ha fatto sì che le rocce siano state tagliate dall’alto verso il basso per chilometri di lunghezza e per una profondità che può raggiungere anche i 200 m. Tra le alte pareti il Rio Freddo, dà origine a cascate, rapide, pozze di acqua limpida, meandri strettissimi dove a malapena filtra la luce del sole. Nella Forra il paesaggio è primordiale. Ne potremmo apprezzare solo un breve tratto, perché il resto del percorso richiede preparazione alpinistica.

Cena e pernotto in hotel.

Lunghezza: 13 Km

Durata: 6/7 h

Difficoltà : E, qualche breve tratto EE

Dislivello: 720

4 Giugno – Sabato Grande Anello del Monte Cucco “dentro e fuori dalla montagna”

Visiteremo le Grotte del Monte Cucco, non meno importanti delle più note Grotte di Frasassi. Più di 30 chilometri di gallerie, ad una profondità massima di quasi 1000 metri, fanno di queste grotte uno dei sistemi ipogei più importanti d’Europa e tra i più noti e studiati nel mondo. Fino a poco tempo fa solo agli speleologi era dato di godere dello spettacolo sotterraneo delle grotte. Oggi anche gli escursionisti possono provare l’esperienza di penetrare nelle profondità della terra per godere dellarchitettura naturale delle rocce disegnata dall’acqua nel corso dei millenni. Avremo un’esperienza sensoriale unica, fatta di suoni, quelli dell’acqua che lentamente scava la roccia, di odori, quelli della profondità della montagna e di immagini, quelle create dalle formazioni calcaree interne. Un viaggio sinestetico nelle viscere del Monte Cucco che si snoda tra stalattiti e stalagmiti, gallerie, labirinti e cunicoli, attraverso scale, passerelle in acciaio e su terreno naturale.

Traverseremo la montagna, entrando da un lato ed uscendo dal versante opposto per guadagnare infine la cima con panorami meravigliosi. Lentamente torneremo al punto di partenza, luogo di decollo dei deltaplani che costantemente, planeranno accanto a noi accompagnandoci nel cammino.

Dislivello: Totale 450 m

Lunghezza: 8 Km

Durata:  6 h

Difficoltà: E

N.B. Non è necessaria alcuna attrezzatura speleologica se non quella tipicamente escursionistica. Il casco verrà fornito in loco

5 Giugno – Domenica La Preistoria e la Storia: l’estinzione dei Dinosauri e il Medioevo

Sulla strada del ritorno, incontreremo la stupenda Gola del Bottaccione, detta anche Gola dell’Iridio, un importantissimo sito geologico di rilevanza mondiale che percorreremo con un trekking sospeso nel tempo geologico su antiche rocce. L’iridio, metallo raro sulla terra ma presente nello spazio, che qui è stato misurato in concentrazioni altissime, ha svelato il mistero della massiccia estinzione dei dinosauri, causato dal grosso meteorite che aveva colpito la Terra.

In Italia, solo qui ed in altri due siti minori presenti nelle Marche, fu svelato il mistero della fine dei dinosauri.

Questo ultimo trekking ci condurrà a Gubbio, che visiteremo con una guida turistica. Entrare nella città di Gubbio, attraversando le antiche stradine ancora abitate che si intrecciano lungo le pendici del Monte Ingino, significa fare esperienza del Medioevo. Il Palazzo dei Consoli con le Tavole Eugubine, la Basilica di Sant’Ubaldo che domina la città, famosa per la tradizionale e folcloristica festa dei Ceri, Piazza della Signoria dominata dal Campanone, le Mura medievali ci attendono per donarci bellezza e stupore.

Appena fuori le mura potremo osservare resti di un tempo ancora più antico: la zona archeologica, detta del Teatro Romano.

Lnghezza:

Durata:

Difficoltà : E

 

Mappa
Photos